Patrimonio dell’umanità

Patrimonio dell’umanità

Un sito del patrimonio mondiale è un punto di riferimento o area che è selezionato dall’Organizzazione delle Nazioni Unite

ed è legalmente protetto dai trattati internazionali. I siti sono giudicati importanti per gli interessi collettivi dell’umanità.

Culturale (22)

  • Complessi monastici armeni in Iran
  • Bam e il suo paesaggio culturale (2004)
  • Bisotun (2006)
  • Paesaggio culturale di Maymand (2015)
  • Palazzo Golestan (2013)
  • Gonbad-e Qaubs (2012)
  • Citta’ storica di Yazd (2017)
  • Moschea’ Jamé di Isfahan (2012)
  • Meidan Emam, Esfahan (1979)
  • Pasargadae (2004)
  • Persepoli (1979)
  • Paesaggio archeologico di Sassanidi nella regione di Fars (2018)
  • Shahr Sokhta (2014)
  • Sheikh Safi al-Din Khanegah e Shrine Ensemble ad Ardabil (2010)
  • Sistema idraulico di Shushtar (2009)
  • Soltaniyeh (2005)
  • Susa (2015)
  • Complesso storico di Bazar di Tabriz (2010)
  • Takht-e Soleyman (2003)
  • Chogha Zanbil (1979)
  • Giardino persiano (2011)
  • Qanat persiano (2016)

Naturale (1)

  • Deserto Lut (2016)

 

 

Complessi monastici armeni in Iran

Il complesso si trova nel nord-ovest del paese, si compone di tre monasteri di rito cristiano armeno: San Taddeo e San Stefano e la Cappella di Dzordzor. Questi edifici – il più antico dei quali, San Taddeo, risale al VII secolo – sono esempi dell’eccezionale valore universale delle tradizioni architettoniche e decorative armene. Testimoniano interscambi molto importanti con le altre culture regionali, in particolare tra quelle bizantina, ortodossa e persiana. Situato ai margini sud-est di quello che viene definito “spazio culturale armeno”, i monasteri costituivano un importante centro per la diffusione di quella cultura nella regione. Sono gli ultimi resti ben conservati di questa originale cultura nella regione. Inoltre, come luoghi di pellegrinaggio, i complessi monastici sono testimoni viventi delle tradizioni religiose armene attraverso i secoli.

 

 

Bam e il suo paesaggio culturale

L’Arg-e Bam è il più grande edificio in mattoni del mondo, situato a Bam, una città nella provincia di Kerman, nel sud-est dell’Iran. È elencato dall’UNESCO come parte del sito del patrimonio mondiale   “Bam e il suo paesaggio culturale”. L’origine di questa enorme cittadella sulla Via della Seta può essere fatta risalire all’impero achemenide (VI-IV secolo aC) e anche oltre. L’apogeo della cittadella fu dal settimo all’undicesimo secolo, essendo al crocevia di importanti rotte commerciali e noto per la produzione di capi in seta e cotone.

L’intero edificio era una grande fortezza che conteneva la cittadella, ma a causa dell’aspetto impressionante della cittadella, che costituisce il punto più alto, l’intera fortezza è chiamata la Cittadella di Bam.

 

Bisotun

L’iscrizione di Behistun (anche Bisotun, Bistun o Bisutun, Persiano antico: Bagastana, che significa “il luogo di dio”) è un’iscrizione multilingue e un grande rilievo roccioso su una scogliera sul monte Behistun nella provincia dell’Iran di Kermanshah, vicino alla città di Kermanshah nell’Iran occidentale, fondato da Dario il Grande (550-486 aC). Fu cruciale per la decifrazione della scrittura cuneiforme poiché l’iscrizione include tre versioni dello stesso testo, scritte in tre diversi linguaggi di scrittura cuneiforme: l’antico persiano, l’elamita e il babilonese (una varietà di accadico). L’iscrizione è per cuneiforme ciò che la stele di Rosetta è per i geroglifici egizi: il documento più cruciale nella decifrazione di uno script precedentemente perso.

 

Paesaggio culturale di Maymand

Maymand è un’area semi-arida e autonoma all’estremità di una valle all’estremità meridionale delle montagne centrali dell’Iran. Gli abitanti del villaggio sono agro-pastorali semi-nomadi. Allevano i loro animali sui pascoli di montagna, vivono in insediamenti temporanei in primavera e in autunno. Durante i mesi invernali vivono più in basso nella valle in abitazioni rupestri scavate nella roccia tenera (kamar), una forma insolita di abitazioni in un ambiente secco e desertico. Questo paesaggio culturale è un esempio di un sistema che sembra essere stato più diffuso nel passato e coinvolge il movimento delle persone piuttosto che degli animali.

 

Palazzo Golestan

Il Palazzo Golestan (Persiano: کاخ گلستان, Kākh-e Golestān) è l’ex complesso reale Qajar nella capitale dell’Iran, Teheran.
Uno dei più antichi monumenti storici della città di Teheran e dello status di patrimonio mondiale, il Palazzo Golestan appartiene a un gruppo di edifici reali che un tempo erano racchiusi tra le mura ricoperte di fango della città di Teheran (“cittadella”). Si compone di giardini, edifici reali e collezioni di artigianato iraniano e di regali europei dei secoli XVIII e XIX.

 

Gonbad-e Qābus

La tomba alta 53 m costruita nel 1006 per Qābus Ibn Voshmgir, sovrano Ziyarid e letterati, vicino alle rovine dell’antica città di Jorjan nel nord-est dell’Iran, testimonia lo scambio culturale tra nomadi dell’Asia centrale e l’antica civiltà dell’Iran . La torre è l’unica testimonianza residua di Jorjan, un ex centro di arte e scienza che fu distrutto durante l’invasione dei Mongoli nel 14 ° e 15 ° secolo. È un esempio eccezionale e tecnologicamente innovativo di architettura islamica che ha influenzato la costruzione sacrale in Iran, Anatolia e Asia centrale. Costruito con mattoni cotti non smaltati, le intricate forme geometriche del monumento costituiscono un cilindro affusolato con un diametro di 17-15,5 m, sormontato da un tetto conico in mattoni. Illustra lo sviluppo della matematica e della scienza nel mondo musulmano a cavallo del primo millennio d.C.

 

Città storica di Yazd

La città di Yazd si trova nel mezzo dell’altopiano iraniano, 270 km a sud est di Isfahan, vicino alle strade delle spezie e della seta. Porta testimonianze viventi all’uso di risorse limitate per la sopravvivenza nel deserto. L’acqua viene fornita alla città attraverso un sistema qanat sviluppato per attingere acqua sotterranea. L’architettura terrestre di Yazd è sfuggita alla modernizzazione che ha distrutto molte città tradizionali, conservando i suoi quartieri tradizionali, il sistema qanat, case tradizionali, bazar, hammam, moschee, sinagoghe, templi zoroastriani e il giardino storico di Dolat-abad.

 

Moschea Jame’ di Isfahan

Situata nel centro storico di Isfahan, la Masjed-e Jāmé (“moschea del venerdì”) può essere vista come una splendida illustrazione dell’evoluzione dell’architettura della moschea nell’arco di dodici secoli, a partire dall’anno 841. È il più antico edificio conservato del suo tipo in Iran e un prototipo per i successivi progetti di moschee in tutta l’Asia centrale. Il complesso, che copre oltre 20.000 m2, è anche il primo edificio islamico che ha adattato la disposizione a quattro cortili dei palazzi Sassanidi all’architettura religiosa islamica. Le sue cupole a doppio guscio rappresentano un’innovazione architettonica che ha ispirato i costruttori in tutta la regione. Il sito presenta anche notevoli dettagli decorativi rappresentativi di sviluppi stilistici su oltre mille anni di arte islamica.

 

Piazza Emam di Isfahan

Costruito da Shah Abbas I il Grande all’inizio del XVII secolo e delimitato su tutti i lati da edifici monumentali collegati da una serie di arcate a due piani, il sito è noto per la Moschea Reale, la Moschea di Sheykh Lotfollah, il magnifico Portico di Qaysariyyeh e il palazzo Timurid del XV secolo. Sono una testimonianza impressionante del livello di vita sociale e culturale in Persia durante l’era safavide.

 

 

 

Pasargadae

Pasargadae fu la prima capitale dinastica dell’impero achemenide, fondata da Ciro II il Grande, in Pars, patria dei Persiani, nel VI secolo aC. I suoi palazzi, giardini e il mausoleo di Ciro sono esempi eccezionali della prima fase dell’arte e dell’architettura reale achemenide e testimonianze eccezionali della civiltà persiana. Particolarmente degni di nota nel sito di 160 ettari comprendono: il Mausoleo di Ciro II; Tall-e Takht, una terrazza fortificata; e un insieme reale di guardiola, sala delle udienze, palazzo residenziale e giardini. Pasargadae era la capitale del primo grande impero multiculturale in Asia occidentale. Spanning il Mediterraneo orientale e l’Egitto al fiume Hindus, è considerato il primo impero che ha rispettato la diversità culturale dei suoi diversi popoli. Ciò si rifletteva nell’architettura achemenide, una rappresentazione sintetica di diverse culture.

 

Persepoli

Fondata da Dario I nel 518 a.C., Persepoli era la capitale dell’impero achemenide. Fu costruito su un’immensa terrazza semi-artificiale, per metà naturale, dove il re dei re creò un imponente complesso di palazzi ispirato a modelli mesopotamici. L’importanza e la qualità delle rovine monumentali ne fanno un sito archeologico unico.

 

Il Paesaggio Archeologico sassanide della regione di Fars

Gli otto siti archeologici situati in tre aree geografiche nel sud-est della provincia di Fars: Firuzabad, Bishapur e Sarvestan. Le strutture fortificate, i palazzi e le piante cittadine risalgono ai primi e ai tempi più recenti dell’Impero sasanide, che si estendeva attraverso la regione dal 224 al 658 dC. Tra questi siti è la capitale costruita dal fondatore della dinastia, Ardashir Papakan, nonché una città e le strutture architettoniche del suo successore, Shapur I. Il paesaggio archeologico riflette l’utilizzo ottimizzato della topografia naturale e testimonia l’influenza di Achaemenid e tradizioni culturali partiche e di arte romana, che hanno avuto un impatto significativo sull’architettura dell’era islamica.

 

Shahr-e Sukhte

Shahr-e Sukhte, che significa “Città bruciata”, si trova all’incrocio delle rotte commerciali dell’età del bronzo che attraversano l’altopiano iraniano. I resti della città di mudbrick rappresentano l’emergere delle prime società complesse nell’Iran orientale. Fondato intorno al 3200 aC, fu popolato durante quattro periodi principali fino al 1800 aC, durante i quali si svilupparono diverse aree distinte all’interno della città: quelle in cui sono stati costruiti monumenti e i quarti separati per l’alloggio, la sepoltura e la fabbricazione. Diversioni nei corsi d’acqua e cambiamenti climatici hanno portato all’eventuale abbandono della città all’inizio del secondo millennio. Le strutture, i luoghi di sepoltura e il gran numero di manufatti significativi portati alla luce, e il loro stato ben conservato a causa del clima arido del deserto, rendono questo sito una ricca fonte di informazioni sull’emergere di società complesse e contatti tra di loro nel terzo millennio aC .

 

Sceikh Safi al-din Khānegāh e Santuario nel Ardabil

Costruito tra l’inizio del XVI secolo e la fine del XVIII secolo, questo luogo di ritiro spirituale nella tradizione sufi utilizza le forme architettoniche tradizionali iraniane per massimizzare l’uso dello spazio disponibile per ospitare una varietà di funzioni (tra cui una biblioteca, una moschea, una scuola, una mausoleo, una cisterna, un ospedale, una cucina, una panetteria e alcuni uffici). Comprende un percorso per raggiungere il santuario dello sceicco suddiviso in sette segmenti, che rispecchiano i sette stadi del misticismo sufi, separati da otto porte, che rappresentano gli otto atteggiamenti del sufismo. L’ensemble comprende facciate e interni ben conservati e riccamente ornati, con una notevole collezione di manufatti antichi. Costituisce un raro complesso di elementi di architettura islamica medievale.

 

Sistema idraulico storico di Shushtar

Shushtar, sistema idraulico storico, inscritto come un capolavoro del genio creativo, può essere fatto risalire a Dario il Grande nel V secolo a.C. Ha comportato la creazione di due canali di diversione principali sul fiume Kârun, uno dei quali, il canale Gargar, è ancora in uso fornendo acqua alla città di Shushtar attraverso una serie di tunnel che forniscono acqua ai mulini. Forma una scogliera spettacolare da cui l’acqua precipita in un bacino a valle. Entra poi nella pianura situata a sud della città, dove ha permesso la piantagione di frutteti e l’agricoltura su una superficie di 40.000 ettari. conosciuto come Mianâb (Paradiso). La proprietà ha un insieme di siti notevoli tra cui il Castel Salâsel, il centro operativo dell’intero sistema idraulico, la torre dove viene misurato il livello dell’acqua, dighe, ponti, bacini e mulini. Essa testimonia il know-how degli elamiti e dei mesopotamici, nonché le più recenti competenze nabatee e l’influenza edilizia romana.

 

Soltaniyeh

Il mausoleo di Oljaytu fu costruito nel 1302-12 nella città di Soltaniyeh, la capitale della dinastia Ilkhanid, fondata dai Mongoli. Situato nella provincia di Zanjan, Soltaniyeh è uno dei migliori esempi delle conquiste dell’architettura persiana e un monumento chiave nello sviluppo della sua architettura islamica. L’edificio ottagonale è coronato da una cupola alta 50 m ricoperta di ceramica blu turchese e circondata da otto minareti sottili. È il primo esempio esistente della cupola a doppio guscio in Iran. Anche la decorazione interna del mausoleo è eccezionale e studiosi come A.U. Il Papa ha descritto l’edificio come “anticipando il Taj Mahal”.

 

Susa

Situata nel sud-ovest dell’Iran, nei Monti Zagros inferiori, la proprietà comprende un gruppo di tumuli archeologici che si ergono sul lato orientale del fiume Shavur, così come il palazzo di Ardeshir, sulla sponda opposta del fiume. I monumenti architettonici scavati comprendono strutture amministrative, residenziali e sontuose. Susa contiene diversi strati di insediamenti urbani sovrapposti in una successione continua dal tardo V millennio aC fino al XIII secolo. Il sito ha una testimonianza eccezionale delle tradizioni culturali elamite, persiane e dei Parti, che sono in gran parte scomparse.

 

Complesso storico del Bazar di Tabriz

Tabriz è stato un luogo di scambio culturale fin dall’antichità e il suo storico complesso di bazar è uno dei più importanti centri commerciali della Via della Seta. Il complesso storico del Bazar di Tabriz consiste in una serie di strutture, edifici e spazi chiusi in mattoni, interconnessi e coperti per funzioni diverse. Tabriz e il suo bazar erano già prospere e famosi nel 13 ° secolo, quando la città, nella provincia dell’Azerbaigian orientale, divenne la capitale del regno safavide. La città perse il suo status di capitale nel 16 ° secolo, ma rimase importante come centro commerciale fino alla fine del XVIII secolo, con l’espansione del potere ottomano. È uno degli esempi più completi del tradizionale sistema commerciale e culturale dell’Iran.

 

Takht-e Soleyman

Il sito archeologico di Takht-e Soleyman, nel nord-ovest dell’Iran, è situato in una valle situata in una regione vulcanica di montagna. Il sito comprende il principale santuario zoroastriano in parte ricostruito nel periodo Ilkhanid (mongolo) (13 ° secolo), nonché un tempio del periodo sasanide (6 ° e 7 ° secolo) dedicato ad Anahita. Il sito ha un importante significato simbolico. I disegni del tempio del fuoco, del palazzo e del layout generale hanno fortemente influenzato lo sviluppo dell’architettura islamica.

Un lago artesiano e un vulcano sono elementi essenziali di Takht-e Soleyman. Nel cuore del sito c’è una piattaforma ovale fortificata che sale a circa 60 metri sopra la pianura circostante e misura circa 350 metri per 550 metri. Su questa piattaforma ci sono un lago artesiano, un tempio del fuoco zoroastriano, un tempio dedicato ad Anahita (la divinità delle acque) e un santuario reale sasanide.

 

Chogha Zanbil

Le rovine della città santa del Regno di Elam (oggi provincia del Khuzestan nel sud-ovest dell’Iran), circondate da tre enormi pareti concentriche, si trovano a Tchogha Zanbil. Fondato c. 1250 a.C., la città rimase incompiuta dopo essere stata invasa da Assurbanipal, come dimostrano le migliaia di mattoni non utilizzati lasciati nel sito.

Lo ziggurat originariamente misurava 105,2 m su ciascun lato e circa 53 m di altezza, in cinque livelli, ed era incoronato con una tempia. Il mattone di fango era il materiale di base di tutto l’ensemble. Lo ziggurat aveva una facciata in mattoni cotti, alcuni dei quali hanno caratteri cuneiformi che danno i nomi delle divinità nelle lingue elamita e accadica.

 

Il giardino persiano

La proprietà comprende nove giardini in altrettante province. Esemplificano la diversità dei progetti di giardini persiani che si sono evoluti e adattati alle diverse condizioni climatiche, pur mantenendo i principi che hanno le loro radici nei tempi di Ciro il Grande, 6 ° secolo aC. Sempre diviso in quattro settori, con l’acqua che gioca un ruolo importante sia per l’irrigazione che per l’ornamento, il giardino persiano è stato concepito per simboleggiare l’Eden ei quattro elementi zoroastriani di cielo, terra, acqua e piante. Questi giardini, risalenti a diversi periodi dal VI secolo aC, presentano anche edifici, padiglioni e mura, nonché sofisticati sistemi di irrigazione. Hanno influenzato l’arte del design del giardino fino in India e in Spagna.

 

Il Qanat persiano

In tutte le regioni aride dell’Iran, gli insediamenti agricoli e permanenti sono supportati dall’antico sistema qanat di intercettare le falde acquifere alluvionali ai capi delle valli e condurre l’acqua lungo i tunnel sotterranei per gravità, spesso su molti chilometri. Gli undici qanat che rappresentano questo sistema includono aree di sosta per lavoratori, serbatoi d’acqua e mulini ad acqua. Il tradizionale sistema di gestione comunale ancora in vigore consente una condivisione e una distribuzione dell’acqua equa e sostenibile. I qanats forniscono testimonianze eccezionali di tradizioni culturali e civiltà nelle aree desertiche con un clima arido.

 

Il Deserto Lut

Il Deserto del Lut si trova nel sud-est della Repubblica Islamica dell’Iran, un’arida area subtropicale continentale notevole per una ricca varietà di spettacolari formazioni del deserto. A 2.278.015 ha l’area è grande ed è circondata da una zona cuscinetto di 1.794.134 ha. Nella lingua persiana “Lut” si riferisce alla terra spoglia senza acqua e priva di vegetazione. La proprietà è situata in un bacino interno circondato da montagne, quindi è in un’ombra di pioggia e, insieme a temperature elevate, il clima è iper-arido. La regione spesso sperimenta le più alte temperature della superficie terrestre della Terra: una temperatura di 70,7 ° C è stata registrata all’interno della proprietà.